Skip to content

Human rights

Businesses have a responsibility to respect human rights. We also believe businesses have an important role in supporting and promoting human rights.

Greeting community members
Community engagement is integral to our human rights work.

Hydro respects the human rights of all individuals and groups that may be affected by our operations. This includes employees, contractors, suppliers, agencies, partners, communities, and those affected by the use and disposal of our products. 

Our commitment to respect human rights is guided by internationally recognized human rights and labor standards, including those contained in the International Bill of Human Rights and the ILO Declaration on Fundamental Principles and Rights at Work (Core Labor Standards).

Our approach is based on key frameworks that define human rights principles for businesses (external links):

Hydro’s major risks to people

We have identified the human rights salient to our operations and which we are most at risk of impacting:

  • Modern slavery, forced labor and child labor abuse
  • Principles of freedom of association and collective bargaining
  • Freedom from discrimination and harassment
  • Decent working conditions
  • Right to privacy
  • Right to health
  • Right to safety
  • Rights of vulnerable individuals and groups
  • Provide information, dialogue and participation
  • Rightful, respectful and lawful resettlement, relocation and repossession

Hydro’s Human rights management

Managing and improving our human rights impact is an ongoing process. You can find more information about Hydro’s human rights management in Hydro’s Human Rights Policy and our Annual Report.

Policy commitment and governance

  • Hydro’s Human Rights Policy was developed in 2013 through a multi-stakeholder process. The policy was updated in 2016 and in 2020. In the most recent update, several internal and external experts were consulted with competence from social responsibility, health, safety and environment, legal, human rights, as well as NGOs. The policy outlines the company’s commitment to respecting human rights. The commitment is integrated in key procedures, including supply chain management, HSE, HR, new projects, and risk management. The policy is approved by Hydro’s Corporate Management Board.
  • Respecting human rights is part of Hydro’s Code of Conduct, with which we expect all of our employees to comply.
  • Hydro’s Code of Conduct is approved and owned by Hydro’s Board of Directors. Hydro’s Governance Documents concerning human rights are approved by the relevant Executive Vice Presidents.
  • We have set minimum requirements relating to human rights to our suppliers. These are stated in Hydro’s Supplier Code of Conduct. We expect our suppliers to comply with and promote the same principles in their own supply chain.
  • We communicate our performance in our Annual report according to the Global Reporting Initiative (GRI) Standards. The report also includes our Modern Slavery Transparency Statement.

Due diligence: Identifying, assessing, acting, monitoring and communicating impacts

  • Human rights risk assessments and mitigating action plans are integrated in Hydro’s enterprise risk management process.
  • In line with our risk-based approach, we aim to conduct more thorough stand-alone human rights impact assessments with mitigating action plans where there is a higher risk for adverse human rights impact.
  • Before new projects, major developments or large expansions are undertaken, we aim to conduct risk-based environmental and social impact assessments, when relevant, which include evaluating risks for adverse human rights impacts. We are guided by The IFC Performance Standards on Environmental and Social Sustainability in doing so.
  • We have procedures to assess new suppliers against human rights criteria. Where relevant, we conduct risk-based audits and reviews of suppliers, and work to improve supplier performance through corrective action plans or supplier development programs.
  • The Norwegian Transparency Act establishes legal requirements for larger enterprises’ duty to report on the work they do to ensure compliance with fundamental human rights and decent working conditions in the enterprises themselves, in their supply chains and with their business partners. In addition there is also a duty to report on the assessments made to ensure that stakeholders have access to the information. The Act is based on the UN’s Guiding Principles on Business and Human Rights (UNGP) and the OECD’s guidelines for responsible business conduct. Hydro has a company-wide approach to human rights due diligence which is integrated into our governance structure, including the annual ERM process. A description of Hydro’s implementation and the main results of our risk based approach can be found in theHydro Annual Report in the chapters Human Rights and Responsible Supply Chain.

Stakeholder engagement

  • Where relevant, we consult parties we may impact through cause, contribution or linkage in the identification, assessment and management of significant human rights impacts associated with our activities.
  • We engage and collaborate with stakeholders both internally and externally where relevant to help inform us about, and evaluate the effectiveness of, our human rights management. This may include civic organizations, NGOs, unions, local associations, authorities, etc.
  • We also consult with human rights experts knowledgeable about the local territories where we operate or through established partnerships. See more under Industry commitment and collaboration below.
  • We engage in dialogue where relevant with employees’ representatives, employee forums or unions. Hydro has a Global Framework Agreement with international and national unions.
  • Where relevant and in line with our risk-based approach, we have regular dialogue with communities, and more frequent and structured dialogue in communities with higher risk of facing adverse human rights impacts. Read more about community engagement here.
  • We aim to contribute to the economic and social development of our employees, our partners and the communities in which we operate, and promote principles of good governance in doing so. Read more about community development here.

Grievance mechanisms and remediation

To help facilitate informed and effective participation by people who are potentially affected by our operations, we establish or facilitate access to effective grievance mechanisms where relevant.

We encourage, and will not retaliate against, individuals who in good faith raise concerns regarding Hydro’s respect for human rights.

A companywide whistleblower channel AlertLine for reporting concerns involving illegal, unethical or unwanted behavior is available, on an identified or anonymous basis, for employees and on-site contractors. In countries with higher risks for adverse human rights impact to communities according to our risk-based approach, we aim to have local community-based grievance mechanisms.

In situations where we identify adverse human rights impact that we have caused or contributed to, we work to cooperate in, promote access to and/or provide fair remediation.

Hydro is committed to not interfere, retaliate or hinder access to judicial or non-judicial mechanisms. Non-judicial mechanisms include the OECD National Contact Points and the Compliance Advisor Ombudsman (CAO).

Industry commitment and collaboration

We recognize the importance of working collaboratively across our industry to promote the respect for, and fulfillment of, human rights. We are members of the International Council on Mining and Metals and the Aluminium Stewardship Initiative, and actively participate in working groups related to human rights and social development.

Furthermore, we participate in forums such as the UN Forum on Business and Human Rights and are members of Norwegian KAN (Coalition for responsible business) and the and the Danish Institute for Human Rights’ Nordic Business Network for Human Rights.  

Hydro has had a long-standing partnership with Amnesty International Norway since 2002. The partnership is based on human rights education and dialogue meetings on relevant human rights dilemmas. We also cooperate with the Danish Institute for Human Rights for external expertise to further develop, maintain and strengthen our approach to human rights. As a Signature Partner of UNICEF Norway, we contribute to children and youth education, and discuss how to further integrate respect for children’s rights in our processes and procedures.

Hydro Brazil is also a member of the Voluntary Principles on Security and Human Rights and the Global Business Initiative on Human Rights.

Managing human rights risks

In line with our risk-based approach and major risks to people, we are working closely with specific cases with high human rights risk. We welcome dialogue and encourage you to contact us if you would like to discuss further.  

Many of our risks are described in several human rights impact assessments, which we are continuously working to mitigate. More information can also be found in our Annual Report

In Qatar, abbiamo uno smelter di joint venture con Qatar Petroleum, chiamato Qatalum. La grande maggioranza dei dipendenti di Qatalum sono lavoratori migranti. Ci sforziamo di garantire buone condizioni di lavoro per le persone impiegate direttamente da noi e di seguire le condizioni per i dipendenti a contratto.

I rischi includono:

  • Schiavitù moderna, lavoro forzato e abuso sul lavoro minorile
  • Condizioni di lavoro dignitose
  • Principi di libertà di associazione e contrattazione collettiva

Come lavoriamo per mitigare i rischi:

Per le persone giuridiche in cui Hydro detiene meno del 100 percento dei diritti di voto, i rappresentanti di Hydro nei consigli di amministrazione o in altri organi di governo si adopereranno per seguire i principi e gli standard nei documenti governativi di Hydro. Lavoriamo attraverso il consiglio di amministrazione di Qatalum e supportiamo Qatalum nello sviluppo di documenti governativi relativi alla responsabilità sociale d'impresa (CSR) e ai diritti umani.

GIEK (Agenzia norvegese per la garanzia del credito all'esportazione) ha condotto una revisione della performance della CSR nell'aprile 2019. GIEK ha riconosciuto il miglioramento dall'ultima visita nel 2016 e ha formulato raccomandazioni per rafforzare ulteriormente i documenti che disciplinano il Qatalum e le sue procedure stabilite.

In Brasile , la miniera di bauxite di Hydro, Paragominas, e la raffineria di allumina, Alunorte, si trovano nello stato di Pará, nel nord del Brasile, e sono collegate da un gasdotto di fanghi di bauxite di 244 km. Vicino ad Alunorte si trova lo stabilimento di alluminio primario Albras, di cui Hydro possiede il 51%. Inoltre, Hydro dispone di tre impianti di estrusione di alluminio nel sud del Brasile. Hydro impiega circa 6.000 dipendenti a tempo indeterminato e 8.000 lavoratori a contratto (equivalenti a tempo pieno) in Brasile in totale. Inoltre, Hydro ha una quota di proprietà del 5% in Mineração Rio do Norte (MRN) e accordi di prelievo con Vale per un ulteriore 40% del volume di bauxite prodotto da MRN.

I rischi includono:

  • Diritti di individui e gruppi vulnerabili
  • Fornire informazioni, dialogo e partecipazione
  • Reinsediamento, trasferimento e recupero legittimo, rispettoso e lecito

Come lavoriamo per mitigare i rischi:

Abbiamo una serie di progetti sociali e comunitari nelle comunità in cui operiamo per rafforzare le comunità locali attraverso l'istruzione e lo sviluppo di capacità e guidare la crescita economica. Attraverso un coinvolgimento strutturato degli stakeholder, ci sforziamo di avere un dialogo aperto e promuovere la trasparenza con le istituzioni e le comunità locali. Nel 2019 sono stati condotti oltre 200 incontri di dialogo comunitario con le comunità vicine alle nostre operazioni nello stato del Pará. Continuiamo a implementare un programma Open-Door, facilitando le visite sistematiche alle nostre unità da parte dei principali stakeholder. Abbiamo avuto oltre 1800 visitatori attraverso questo programma nel 2019.

Per comprendere meglio il nostro impatto, la società di consulenza brasiliana Proactiva sta attualmente conducendo un'approfondita valutazione dell'impatto sui diritti umani delle operazioni nello stato di Pará, in Brasile. La due diligence copre la raffineria di allumina di Alunorte, il produttore di alluminio primario di Albras e la miniera di bauxite di Paragominas, compreso il gasdotto. I risultati includeranno azioni di mitigazione che saranno attuate nei prossimi anni. Il lavoro è integrato nelle diverse aree e monitorato da un PMO. Stiamo ulteriormente aumentando il nostro impegno con i principali stakeholder brasiliani per i diritti umani.

Le questioni irrisolte rimangono legate all'identificazione delle persone direttamente colpite dalla costruzione di un gasdotto di bauxite lungo 244 km che attraversa le aree abitate dai gruppi tradizionali di Quilombola nel territorio di Jambuaçu in Pará. Questi problemi risalgono a prima che Hydro diventasse proprietario e l'ex proprietario dell'oleodotto è ancora la parte legale. Hydro mantiene le sue relazioni con i rappresentanti di Quilombola attraverso personale dedicato e sta collaborando con Fundação Cultural Palmares per promuovere il dialogo e stabilire un'agenda positiva all'interno del territorio di Quilombola. La fondazione Palmares è l'agenzia brasiliana incaricata degli affari di Quilombolas. Attualmente, Hydro sta collaborando con diverse parti interessate, tra cui, ma non solo, le comunità di Palmares, Quilombola e lo Stato del Pará, per stabilire un accordo che cerchi di rimediare agli impatti.

Attraverso il Moju Sustainable Territory Programme nel territorio di Jambuaçu, abbiamo intrapreso azioni per supportare le associazioni locali lungo il gasdotto per rafforzare la loro struttura legale, amministrativa e di governance. Il programma attualmente è composto da diverse associazioni, con piani di espansione ad altre associazioni di Jambuaçu interessate nel 2020.

A Barcarena, sempre in Pará, in un'area circostante le operazioni di Hydro e regolamentata per scopi industriali, il disboscamento illegale e gli insediamenti irregolari hanno subito un'accelerazione dal 2016. Né le autorità né Hydro vogliono insediamenti nell'area. Inoltre, sono state avanzate accuse da gruppi locali sui potenziali impatti ambientali.

Nel comune di Oriximiná in Pará, Brasile, dove si trova la miniera di bauxite MRN, è in corso una controversia tra le comunità di Quilombola e le autorità brasiliane in merito al titolo di terra di proprietà del governo federale. Il territorio rivendicato da queste comunità comprende alcune aree che dovrebbero essere minate da MRN in futuro, ma MRN non è una parte legale in questo conflitto.

Hydro si impegna con MRN attraverso il Comitato del Consiglio di Amministrazione per richiedere che l'ambito della prevista valutazione dell'impatto ambientale e sociale (ESIA) e dei processi di consultazione di Quilombola per il progetto di espansione siano conformi agli standard locali, nazionali e internazionali. MRN è attualmente impegnata a comprendere e rispondere alle aspettative delle parti interessate locali riguardo alle preoccupazioni sugli impatti delle operazioni di MRN sulle comunità locali. MRN sostiene anche il Programma Territori Sostenibili, un programma sociale per promuovere lo sviluppo a lungo termine delle comunità tradizionali a Oriximiná.

Hydro ha più di 30.000 fornitori attivi in tutto il mondo. La maggior parte si trova negli stessi paesi dei nostri stabilimenti di produzione.

I rischi includono:

  • Schiavitù moderna, lavoro forzato, abuso di lavoro minorile
  • Condizioni di lavoro dignitose
  • Diritto alla salute e alla sicurezza

Come lavoriamo per mitigare i rischi:

Abbiamo stabilito requisiti minimi relativi ai diritti umani per i nostri fornitori. Questi sono indicati nel Codice di condotta per i fornitori di Hydro . Ci aspettiamo che i nostri fornitori rispettino e promuovano gli stessi principi nella propria catena di fornitura. Maggiori informazioni sulla catena di fornitura responsabile qui.

Sulla base del nostro processo per la due diligence sull'integrità, valutiamo i nuovi fornitori rispetto ai criteri dei diritti umani. Conduciamo audit e revisioni basati sul rischio dei fornitori e lavoriamo per migliorare le prestazioni dei fornitori attraverso piani di azioni correttive o programmi di sviluppo dei fornitori. Ogni anno vengono condotti circa 100 audit a seconda del rischio.

Un mancato rispetto o una violazione dei principi del Codice di condotta dei fornitori di Hydro che non può essere corretto entro un periodo ragionevole può portare alla risoluzione del contratto con il fornitore. Nel 2019, ad esempio, abbiamo risolto un contratto con uno dei nostri fornitori di metalli. Hydro era preoccupata per il rispetto dei principi da parte del fornitore di metalli, ma non è stata autorizzata a controllare le operazioni del fornitore.

Definizioni:

Due diligence: il processo per identificare, prevenire, mitigare e rendere conto di come Hydro affronta gli impatti negativi reali e potenziali nelle nostre operazioni e nella catena di approvvigionamento 

Salient issues: i diritti umani che sono a rischio di impatto negativo più grave dalle operazioni o dai fornitori di Hydro

Major risk to people: questioni salienti relative ai diritti umani che le nostre operazioni rischiano di impattare maggiormente

Risk to people: rischio di impatti potenziali o negativi sui diritti umani

Risk-based: dare priorità in base alla massima gravità e probabilità di un impatto negativo

Recommended for you